Silenzio Umbria – terzo appuntamento

Accademia del Silenzio Umbria 2015
“SILENZI MEDITATIVI”
Natura – Spiritualità – Scrittura

UMBRIA SPIRITUALITA’
Meditazione: crocevia tra le tradizioni spirituali
d’Oriente e Occidente.
150926-Umbria
Sabato 26 e domenica 27 settembre 2015

da sabato alle 15.00 a domenica alle 18.00
Convento Padri Barnabiti, Campello sul Clitunno (Pg)
www.campello.barnabiti.net

Parteciperanno:
Giampiero Comolli – p. Antonio Gentili
Narya Paolo Tosetto – Antonio Zulato
Comunità sorelle dell’Eremo francescano di Campello
(conosciute anche come Allodole di san Francesco)
Coordinerà: Monica Tomassoni

La meditazione può essere utilizzata per raggiungere un certo rilassamento, ma è anche e soprattutto un profondo ed insostituibile strumento per la crescita della propria consapevolezza e spiritualità. È una pratica che ha la finalità di avvicinarci al centro di noi stessi, a quelle profondità interiori che possono aprirci il varco delle profondità dell’Assoluto. Consideriamo la meditazione un “crocevia tra diverse tradizioni spirituali” perché è comune a tutte loro, anche se diverse possono essere le tecniche. C’è, infatti, chi medita pregando, chi assumendo una postura particolare, chi concentrando la propria attenzione sul respiro, oppure su un mantra; c’è, infine, chi medita senza utilizzare alcuna tecnica, ma facendo fluire l’attenzione sulla consapevolezza del qui ed ora. Comunque sia, la meditazione, fatta in modo adeguato, è un’esperienza trascendente, ci permette, cioè, di trascendere la mente, la nostra natura emotiva, per planare in una dimensione di quiete, serenità da cui consegue una maggiore coscienza del vissuto.
In questa due giorni ci confronteremo su queste tematiche in una tavola rotonda, poi c’immergeremo nel silenzio di un luogo straordinario, situato nel cuore dell’Umbria, tra il verde dei prati e degli olivi, per avvicinarci con Giampiero Comolli, a diverse modalità di meditazione, tra queste quella dell’esicasmo ossia la pratica della preghiera interiore diffusa tra i monaci dell’Oriente cristiano fin dai tempi dei Padri del deserto. Con Narya Paolo Tosetto avvicineremo la meditazione orientale e infine, con Antonio Zulato, percorreremo un sentiero diverso: attraverso la scrittura e il confronto, cercheremo di far emergere gli aspetti, le modalità espressive e la connessione tra spiritualità, contemplazione, meditazione presenti in noi e come esse portino a una qualche consapevolezza del “bene”.
Nella prima parte dell’esperienza saremo ospiti del Convento dei Barnabiti di p. Antonio Gentili, mentre nel pomeriggio di domenica raggiungeremo l’Eremo Francescano di Campello sul Clitunno e ci immergeremo nella dimensione eremitica delle Allodole, per respirare da vicino il “Sacrum facere” di sorella Maria: il riservare attenzione e cura ad ogni gesto ed ogni azione della propria vita, per cogliere la valenza sacrale nel tessuto della quotidianità. (BLu)

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI:

luana.brilli@libero.it   cell 3208962845
Compila il modulo d’iscrizione
Scarica il volantino in Pdf

Il costo della due giorni Umbria Spiritualità: “Meditazione: crocevia tra le tradizioni spirituali d’Oriente e Occidente” è di 90 euro complessive: comprende la partecipazione alle attività dei due giorni, una colazione, due pasti (vegetariani) e il pernottamento presso il Convento dei Barnabiti.
Deve essere aggiunta alla quota (quando non già versata) la cifra di 25 euro per la tessera associativa 2015 alla Libera Università dell’Autobiografia.
Chi volesse può fare il pendolare: il tal caso il costo sarebbe di 30,00 euro, più il costo di 25,00 euro della tessera LUA,  quando non già versata, più il costo del pranzo o della cena che è di 15,00 euro.
Per partecipare iscriversi entro venerdì 11 settembre 2015 con la scheda che troverete nel sito dell’Accademia:
www.lua.it/accademiasilenzio/
form.jotformpro.com/form/50894308958975
Inviare subito dopo alla  segreteria@lua.it o al Fax n. 0575 788847, la conferma del versamento che va fatto tramite bonifico bancario sul conto della Libera Università dell’Autobiografia sul c/c della Banca di Credito Cooperativo di Anghiari: IBAN IT 28S 08345 71310 000000005108.

Come arrivare a Campello Alto sul Clitunno (Pg)

In treno. Da Roma dirigersi verso Campello (la stazione è a 7 km dal Convento) oppure scendere a Spoleto poi proseguire con auto. Da Firenze (o da Ancona) dirigersi verso Campello oppure scendere a Foligno poi proseguire con auto.
In auto. Venendo da Sud o da Nord, percorrere la (Nuova) Flaminia fino all’uscita di Campello. Al semaforo girare a dx e quindi a sx (località Settecamini). Si procede lungo la SP di Pettino, attraversando il centro del paese (La Bianca) e dirigendosi verso Campello Alto. Oltrepassata la località Lenano, piegare a sx (Via Benedetto Fabrizi). Al termine si trova il Convento (dall’uscita della superstrada, km 8 circa).
Campello Alto sul Clitunno si trova a circa 37 km da Assisi.
Fuori dal turismo di massa, è situato sulla Via Francigena Trevi – Monteluco di Spoleto. L’antico nucleo del paese è un castello costruito nel 921. Attualmente conta 57 abitanti.
È vicinissimo alle Fonti del Clitunno e al Tempietto del Clitunno.

Docenti della due giorni:

Giampiero Comolli: scrittore e giornalista ha realizzato numerosi reportage per riviste di viaggio e ha condotto varie inchieste sui fenomeni religiosi contemporanei. E’ tra i fondatori dell’Accademia del Silenzio, presso la quale tiene seminari di meditazione. E’ presidente del Centro Culturale Protestante di Milano. Collabora a “Riforma” settimanale delle chiese evangeliche battista, metodista e valdese. Di recente ha pubblicato: Pregare, viaggiare, meditare. Percorsi interreligiosi tra cristianesimo, buddhismo e nuove forme di spiritualità, Claudiana, 2010; Grammatica dell’ascolto. Per accogliere un racconto di fede, Messaggero 2011; Una luminosa quiete. La ricerca del silenzio nelle pratiche di meditazione, Mimesis 2012. La senti questa voce? Corpo, ascolto, respiro nella meditazione biblica, Claudiana, 2014.

Comunità delle sorelle dell’Eremo francescano di Campello, conosciute anche come Allodole di San Francesco. L’ispiratrice, Sorella Maria, salì all’eremo con le prime sorelle nel ’26. La comunità attualmente è formata da 4 sorelle (sorella Daniela Maria, Danielina, Monica e Lucia) e continua nella stessa semplicità evangelica e francescana, con una vita di preghiera, lavoro e accoglienza verso tutti, credenti di ogni fede e non credenti, che attraverso il “Sacrum facere” divengono intercessione per il mondo.

Antonio Gentili: padre barnabita. Per molti anni è stato responsabile della Casa di Esercizi Spirituali di Eupilio (CO) presso la quale ha dato vita ad una intensa attività culturale legata alla meditazione ed al pensiero mistico, aperta anche alle altre religioni. Oggi risiede  a Campello sul Clitunno (Pg) dove organizza corsi di preghiera profonda e Settimane di digiuno e meditazione per la purificazione integrale.  Numerosi i suoi libri di meditazione e preghiera e le sue collaborazioni a periodici e riviste.

Narya Paolo Tosetto: insegnante di meditazione del centro Ananda – Assisi (Pg)

Antonio Zulato: già insegnante di Filosofia,  membro del Comitato Scientifico del L.E.D. (Laboratorio di Educazione al Dialogo) di Trento; è esperto in metodologie autobiografiche e scrittura autoanalitica. Nel 2009 è stato chiamato dal Prof. Demetrio a far parte dello staff di docenti  della L.U.A. di Anghiari. Per diversi anni ha curato il percorso formativo dei ragazzi e delle ragazze  che hanno scelto di fare il Servizio Civile Volontario presso la Cooperativa di Solidarietà Sociale “Villa S. Ignazio” di Trento. Collabora con l’Associazione MicroCosmo di Verona per interventi formativi nel locale carcere. Presso il carcere di Padova, invece, tiene regolari colloqui con detenuti. Tiene corsi di formazione, presso il Monastero del Bene Comune di Sezano (VR),  agli insegnanti che fanno parte della rete “Scuole per il Bene Comune”.

Monica Tomassoni: psicologa, psicoterapeuta, consulente VIS (Volontariato Internazionale per lo sviluppo) e AiBi (Amici dei Bambini). Socia fondatrice dell’Associazione di promozione sociale “Clelia”, orientata allo sviluppo delle risorse e potenzialità di individui, gruppi e organizzazioni secondo il metodo della Psicologia della Salute. Fa parte dell’Accademia del silenzio Umbria.